Menu


"Knowledge is power."  Francis Bacondivisorio"Always forgive your enemies - nothing annoys them so much."  Oscar Wildedivisorio"Life is a tragedy when seen in close-up, but a comedy in long-shot." Charlie Chaplindivisorio"If you want a happy ending, that depends, of course, on where you stop your story." Orson Wellesdivisorio"Life is divided into the horrible and the miserable."  Woody Allendivisorio"Cela vieillit, tu sais, d'être une jolie fille sans un sou." Jean Anouilh divisorio"Hell is empty and all the devils are here."  William Shakespearedivisorio"Acting is a nice childish profession - pretending you're someone else and, at the same time, selling yourself."  Katharine Hepburndivisorio"If you don't know where you are going, any road will get you there." Lewis Carrolldivisorio"I'll always be there because I'm a skilled professional actor. Whether or not I've any talent is beside the point." Michael Cainedivisorio"The nicest thing for me is sleep, then at least I can dream." Marilyn Monroedivisorio"La meilleure crème de beauté, c'est la bonne conscience." Arlettydivisorio

Easy-Un viaggio facile facile

di Tamara Anna Malleo

Regia di Andrea Magnani. con Nicola Nocella, Libero de Rienzo, Barbara Bouchet, Ostap Stupka, Veronika Shostak. Genere Commedia - Italia, Ucraina, 2016, durata 91 minuti

"Attenti a quei due" potrebbe essere il titolo per raccontare l'incontro scoppiettante sia dal punto di vista artistico che umano tra Andrea Magnani, sceneggiatore e regista di "Easy- un viaggio facile facile" e Nicola Nocella attore capace di possedere la parola ma anche di raccontarla attraverso un linguaggio "fisico".

Andrea e Nicola si conoscono, studiano insieme, si dedicano a questo progetto con passione, coraggio, senza mai arrendersi, decisi a raccontare questa storia, questa vita e il risultato è travolgente: regalano allo spettatore uno spicchio di tempo, l'intervallo giusto per un incontro, per conoscere Isidoro, per compiere senza fretta un viaggio con lui, per entrare in contatto con la sua debolezza e non puntare il dito ma guardare attraverso il suo sguardo pieno di stupore il mondo, sorridere con lui e non di lui. Qui nasce la storia di Isidoro che a diciasette anni vede sfumare tutti i suoi sogni, un futuro di successo in Formula Uno.

Non importa perchè, a volte succede di compiere un errore ma da lì non si sente più accettato, diventa un uomo che vive ai margini, solo, l'eterno secondo, intento a sopravvivere, cercando di anestetizzare quel senso di vuoto che lo trascina sempre più giù. Un giorno arriva il fratello, l'apparente vincente, che gli propone un lavoro "facile facile", guidare fino in Ucraina per riportare alla famiglia di origine il corpo di un suo dipendente, morto per un incidente sul lavoro in cantiere.