Menu


"Knowledge is power."  Francis Bacondivisorio"Always forgive your enemies - nothing annoys them so much."  Oscar Wildedivisorio"Life is a tragedy when seen in close-up, but a comedy in long-shot." Charlie Chaplindivisorio"If you want a happy ending, that depends, of course, on where you stop your story." Orson Wellesdivisorio"Life is divided into the horrible and the miserable."  Woody Allendivisorio"Cela vieillit, tu sais, d'être une jolie fille sans un sou." Jean Anouilh divisorio"Hell is empty and all the devils are here."  William Shakespearedivisorio"Acting is a nice childish profession - pretending you're someone else and, at the same time, selling yourself."  Katharine Hepburndivisorio"If you don't know where you are going, any road will get you there." Lewis Carrolldivisorio"I'll always be there because I'm a skilled professional actor. Whether or not I've any talent is beside the point." Michael Cainedivisorio"The nicest thing for me is sleep, then at least I can dream." Marilyn Monroedivisorio"La meilleure crème de beauté, c'est la bonne conscience." Arlettydivisorio

Vecchi per niente

quaranta
raccontato da
Filippo Quaranta
 
testo e regia
Nicola Russo
 
con
Benedetta Barzini, Laura Mazzi,  Teresa Piergentili,  Marco Quaglia,  Agostino Tazzini,  Guido Tonetti

scene e costumi
Giovanni De Francesco

luci
Cristian Zucaro

Produzione Teatro Franco Parenti in collaborazione con Monstera
 

Mi sono seduto in platea mentalmente trafelato. Un modo alternativo per dire che non avevo avuto né il tempo né la possibilità di informarmi sul tema dell'allestimento di Nicola Russo.

Sono arrivato con tutti i miei pensieri aggrovigliati come la merce sugli scaffali dei saldi, espressione di un periodo personale difficile, impregnato di malattie e dolore, e mi sono trovato ad assistere ad uno spettacolo che di fatto me li ha piazzati tutti lì davanti, in bell'ordine come negli scaffali delle nuove collezioni. Puliti e scevri, scontornati e ad angoli vivi. Come in un green screen. Stanno parlando della mia vita attuale, ho pensato.

Poi ho capito.
Stavano parlando di tutti noi, generazione che alcuni definiscono "disagio", ma che io preferisco definire "coraggio". Perché è coraggio, che ci vuole. Ad accollarsi le colpe dei padri che ci ricadono addosso - in quanto figli - e ad accudire quella generazione di padri e di madri allo sbando, che hanno figliato, spesso, senza pensare alla responsabilità che l'essere genitori comporta. Ma tanto ci pensano i vecchi per niente...