Menu


"Knowledge is power."  Francis Bacondivisorio"Always forgive your enemies - nothing annoys them so much."  Oscar Wildedivisorio"Life is a tragedy when seen in close-up, but a comedy in long-shot." Charlie Chaplindivisorio"If you want a happy ending, that depends, of course, on where you stop your story." Orson Wellesdivisorio"Life is divided into the horrible and the miserable."  Woody Allendivisorio"Cela vieillit, tu sais, d'être une jolie fille sans un sou." Jean Anouilh divisorio"Hell is empty and all the devils are here."  William Shakespearedivisorio"Acting is a nice childish profession - pretending you're someone else and, at the same time, selling yourself."  Katharine Hepburndivisorio"If you don't know where you are going, any road will get you there." Lewis Carrolldivisorio"I'll always be there because I'm a skilled professional actor. Whether or not I've any talent is beside the point." Michael Cainedivisorio"The nicest thing for me is sleep, then at least I can dream." Marilyn Monroedivisorio"La meilleure crème de beauté, c'est la bonne conscience." Arlettydivisorio

La prova

belliniraccontato da
Emilio Bellini
 
di
Bruno Fornasari
 
con
Tomaso Amadio
Emanuele Arrigazzi
Orsetta Borghero
Eleonora Giovanardi/ Marta Belloni

regia
Bruno Fornasari

scene e costumi
Erika Carretta

disegno luci
Fabrizio Visconti

movimenti
Marta Belloni
 
Leggiamo romanzi, andiamo a cinema, passiamo le notti rapiti dalle serie TV… ma il teatro è (e resterà per sempre) un’altra cosa.

Quattro personaggi: 2 uomini (Edo e Fede, amici, soci, capi) e 2 donne (Tina e Lucy, collaboratrici, compagne, amanti), nel contesto di una fighettosissima agenzia di design-pubblicità. Tutto parte da un (presunto) “pasticciaccio” (la sera precedente, nel corso di una cena di lavoro a due, Fede ha accarezzato la spalla nuda di Tina, con l’aggravante di aver toccato, tra le due spalle, quella priva di bretella-spallina, lasciando a Tina la netta impressione di una tentata molestia).

Per tutto il tempo lo spettatore è invitato a giudicare se l’evento (come raccontato da Tina) è la “prova” di una serie di ingiustizie subite dall’universo femminile della storia: molestie sessuali, mancati riconoscimenti professionali, furti di opere dell’ingegno, comportamenti predatori che l’universo maschile ha potuto permettersi grazie alla posizione gerarchica detenuta ed al potere da questa derivante.

Fornasari riesce a tenere insieme il tono della commedia, la psicologia del dramma borghese, la multi-sensorialità del musical, il ritmo della serie TV, la denuncia sociale in tempi di #MeToo. … Ma il teatro è (e resterà per sempre) un’altra cosa.
E “La Prova” ne è la prova.

Il teatro dovrebbe interrogarci profondamente, mettere a nudo le ipocrisie, disvelare le dissimulazioni, sovvertire il comune senso delle cose, aiutarci a interpretare la complessità delle relazioni umane che quasi mai sono riducibili alle dicotomie bene-male, giusto-ingiusto, carnefice-preda.