Menu


"Knowledge is power."  Francis Bacondivisorio"Always forgive your enemies - nothing annoys them so much."  Oscar Wildedivisorio"Life is a tragedy when seen in close-up, but a comedy in long-shot." Charlie Chaplindivisorio"If you want a happy ending, that depends, of course, on where you stop your story." Orson Wellesdivisorio"Life is divided into the horrible and the miserable."  Woody Allendivisorio"Cela vieillit, tu sais, d'être une jolie fille sans un sou." Jean Anouilh divisorio"Hell is empty and all the devils are here."  William Shakespearedivisorio"Acting is a nice childish profession - pretending you're someone else and, at the same time, selling yourself."  Katharine Hepburndivisorio"If you don't know where you are going, any road will get you there." Lewis Carrolldivisorio"I'll always be there because I'm a skilled professional actor. Whether or not I've any talent is beside the point." Michael Cainedivisorio"The nicest thing for me is sleep, then at least I can dream." Marilyn Monroedivisorio"La meilleure crème de beauté, c'est la bonne conscience." Arlettydivisorio

feniello
raccontato da
Flavio Feniello
 
di Bertolt Brecht
 
con
Ferdinando Bruni
Luciano Scarpa
Ida Marinelli
Corinna Agustoni
Elena Russo Arman
Luca Toracca
Umberto Petranca
Nicola Stravalaci
Matteo De Mojana
Francesca Turrini
Francesco Baldi
Carolina Cametti

traduzione
Ferdinando Bruni
 

Per essere buoni e ragionevoli i potenti, i padroni, dovrebbero essere sempre annebbiati dall’alcool? Forse sì, dato che quando sono sobri non fanno altro che abusare di chi il potere non ce l’ha: come Mr. Pùntila nei confronti dei propri dipendenti o della sua corte di amici avvocati e giudici. E così tra situazioni tragicomiche, canti illustrativi, banchetti e giri in Studebaker, il bene e il male sono sempre in eterno confronto.

 

Questo il tema di Mr. Pùntila e il suo servo Matti di Bertolt Brecht, lo spettacolo di Ferdinando Bruni e Francesco Frongia, interpretato da Bruni stesso e da un fantastico cast di attori.

 

Mr. Pùntila è uno spettacolo che fa riflettere divertendosi, con le schizofrenie date dalla grappa o dal vino che Mr. Pùntila beve anche per tre giorni di seguito: si fidanza con quattro donne diverse, promette la figlia Eva all’attaché,  lavoro ai disoccupati, per poi, quando è sobrio, rinnegare ogni impegno preso e tornare a maltrattare chiunque lo circondi.

E’ talmente convinto delle proprie idee, da sobrio, dal convincersi che anche i suoi “servi” lo seguiranno e appoggeranno nelle sue scelte, ma dovrà alla fine fare i conti con il fatto che non sempre chi è vessato se ne sta zitto, ma può a un certo punto rivoltarsi e abbandonare, anche a caro prezzo, il padrone.

 

 

Stabat Mater

raccontato da Ida Marinelli

Easy-Un viaggio facile facile

raccontato da Tamara Anna Malleo

Gli angeli dello sterminio

raccontato da Alessandro Bertante

Dove crescono le ortiche

raccontato da Paolo Scotti